Itinerari
Monti Aurunci
Monti Aurunci

Con vette che superano i 1500 metri di quota a pochi chilometri in linea d’aria dal mare, brulli e dalle pendici quasi completamente spoglie nei versanti meridionali gli Aurunci, sul versante opposto, nascondono gelosamente un inaspettato paesaggio. La particolare posizione geografica dona a questi luoghi una grande varietà di ambienti che si svelano nelle faggete dei monti Petrella e Faggeto, nelle leccete dei monti Ruazzo e Campone, nella sughereta di Costamezza, nelle praterie della valle di Sciro e dell’altopiano di S.Onofrio.

Di più sui Monti Aurunci »
Riviera d'Ulisse
Riviera d'Ulisse

La Riviera d'Ulisse si estende lungo la costa del golfo di Gaeta e comprende i territori delle aree protette ricadenti nei comuni di Gaeta, Formia, Minturno e Sperlonga. Tra i punti d'interesse ricordiamo: la Grotta del Turco e il Mausoleo di Lucio Munazio Planco all'interno dell'area di Monte Orlando (Gaeta). Il museo archeologico e la villa dell'imperatore Tiberio a Sperlonga. Le cisterne romane, le terme, il ninfeo detto Tempio di Giano e i resti archeologici della sontuosa villa Mamurra, del I secolo A.C. a Gianola (Formia).

Di più sulla Riviera d'Ulisse »
Madonna della Civita
Madonna della Civita

L'imponente santuario della Madonna della Civita si staglia sul Monte Fusco (673 m.l.m.), detto anche "della Civita". Nella sua posizione dominante sembra come un balcone tra Ausoni e Aurunci con belvedere sul Tirreno. Si trova dal Medioevo al centro dei sentieri che conducevano al Golfo di Gaeta, alla Ciociaria, all'Abruzzo: le popolazioni di questi comprensori e regioni continuano da secoli a coltivare la particolare venerazione per la Madonna della Civita. Nella zona di Itri è attestata la presenza di cenobi benedettini cassinesi.

Di più sulla Madonna della Civita »
Castello di Itri
Castello di Itri

Il Castello Medioevale di Itri rappresenta il tipico esempio di struttura difensiva strettamente legata alla natura del luogo e alle esigenze di controllo territoriale. Il Castello, facendo corpo con la roccia, si pone sulla parte più alta della collina di Sant’Angelo. Tutt’intorno, seguendo le curve di livello, si sviluppa l’antico e suggestivo borgo medievale. Il Castello fu costruito sull’impianto di una precedente fortezza di origine longobarda. E' oggi sede di mostre, convegni, sagre, mercatini, cerimonie e spettacoli culturali.

Di più su Itri e il suo Castello »
Motagna Spaccata
Montagna Spaccata

Il Santuario della Ss.ma Trinità, detto anche della Montagna Spaccata, sorge a Gaeta, sul pendio di monte Orlando nell'estremità sud occidentale del promontorio, e risale al secolo XI. In passato aveva annesso anche un monastero benedettino. Nel secolo XV su un masso, staccatosi dalla roccia e adagiatosi sulla fenditura centrale, venne edificata la cappella dedicata al Crocefisso. Sotto Carlo V furono costruiti i nuovi bastioni della fortezza gaetana che ancor oggi lambiscono il santuario. Oggi è sede dei missionari del P.I.M.E.

Di più sulla Montagna Spaccata »
Sperlonga
Sperlonga

Sperlonga, paese arroccato sulla lingua di terra di Monte S. Magno (Monti Aurunci) lungo la S.S. Flacca (tra Terracina e Gaeta), deve il suo nome alle grotte naturali - speluncae - che si aprono lungo la costa. La bellezza del litorale non sfuggì ai Romani ed in particolare all’imperatore Tiberio, che vi costruì una residenza di vacanze, utilizzando una cavità a livello del mare che è conosciuta come “grotta o antro di Tiberio”. Sperlonga ha ricevuto la Bandiera Blu della Fee, simbolo di alta qualità delle acque e dei servizi ai turisti.

Di più su Sperlonga »